Lessico

A C D M P R U

A

APMA (Autorità di protezione dei minori e degli adulti)

APMA è l’abbreviazione di Autorità di protezione dei minori e degli adulti. Probabilmente, durante i colloqui viene nominata più spesso con questa abbreviazione. L’APMA è un’autorità e protegge i minori e gli adulti. L’APMA aiuta tutte le persone che non sono in grado di badare a sé stesse.

Presso l’APMA lavorano donne e uomini che svolgono diverse professioni. Sono esperti con vaste conoscenze. Grazie a loro, se hai un problema, l’APMA può trovare la soluzione migliore per te.

Se tu e la tua famiglia non riuscite a risolvere da soli un problema, l’APMA vi aiuta. Una persona dell’APMA valuta insieme a voi la situazione e riflette sul modo in cui può sostenervi. L’APMA può predisporre misure di protezione dei minori. Tu hai il diritto di essere informato su questa procedura. Come funziona? Quali sono i tuoi diritti? L’APMA deve ascoltare la tua opinione e tenerne conto nelle decisioni.

  • L’APMA non ti ascolta?
  • Non sei d’accordo con quello che ha deciso l’APMA?
  • Oppure hai domande su questo tema?

Noi ci siamo, chiamaci!

Qui trovi l’indirizzo dell‘APMA competente.
 

Audizione

I tuoi genitori divorziano ed è arrivato il momento di decidere dove andrai a vivere? A casa tua ci sono dei problemi e devi trasferirti presso una famiglia affidataria? Oppure hai qualche guaio a scuola e devi cambiarla?

Per ogni questione che ti riguarda, le persone devono ascoltarti e chiederti la tua opinione. È un tuo diritto. Se il tribunale o l’APMA prendono una decisione che ti riguarda, devono chiederti la tua opinione. Per questo motivo ti invitano a un’audizione. Durante l’audizione, le persone ti ascoltano e tu puoi fare domande.

Ecco un esempio su come funziona un’audizione in tribunale:
Il tribunale ti invita a un’audizione. Concordate insieme una data e il giorno stabilito ti rechi in tribunale. Lì conoscerai le persone presenti. Di solito ci sono un giudice donna o un giudice uomo e una persona che prende appunti durante il colloquio. Ma può anche capitare che siano presenti più persone, oppure di meno. Il giudice ti chiede come stai e che cosa desideri. Tu sei anche libero di raccontare cose che per te sono importanti. Se hai domande, puoi farle.

Durante l’audizione potrebbe capitarti di avere un po’ di ansia. Quindi è meglio che tu rifletta prima sulle cose che vuoi assolutamente dire o chiedere. Se durante il colloquio non sai cosa rispondere a una domanda che ti viene posta, oppure se non vuoi rispondere, puoi dirlo. Sei libero di esprimere la tua opinione. Ma non sei obbligato a farlo, se non vuoi.

Al colloquio è presente una persona che prende appunti. Non vuoi che una determinata cosa venga raccontata? Allora puoi dirlo.

Il giudice non può sempre prendere le decisioni che tu preferisci. Ma è comunque importante che tu gli comunichi i tuoi desideri. Questo aiuta il giudice a trovare la soluzione migliore per te e per i tuoi genitori.

Non hai ricevuto nessun invito a un’audizione o a un colloquio?
Desideri esprimere la tua opinione e non sai come farlo? Oppure hai domande prima o dopo l’audizione?
Noi ci siamo, chiamaci!

Per ulteriori informazioni sul tema audizione, puoi leggere questi opuscoli informativi:

Avvocato dei bambini

Avvocato dei bambini è un’altra parola che significa rappresentante legale dei minori. Se vuoi saperne di più, continua a leggere alla voce "Rappresentanza legale del minore/Rappresentanza legale per bambini".

C

Collocamento extrafamiliare

A volte, i problemi all’interno di una famiglia sono talmente gravi che bambini e adolescenti non possono più vivere insieme ai genitori.  Ad esempio, i tuoi genitori potrebbero essere molto stressati o gravemente malati. Oppure i litigi tra te e i tuoi genitori potrebbero essere molto violenti, perciò non è più il caso che continuiate a vivere insieme.

In situazioni come queste può essere necessario un collocamento extrafamiliare, quindi l‘APMA cerca insieme a voi un altro luogo di residenza per te. Ad esempio presso una famiglia affidataria o una casa famiglia (istituto).

Curatore di rappresentanza

Curatore di rappresentanza è un’altra parola che significa rappresentante legale dei minori. Se vuoi saperne di più, continua a leggere alla voce "Rappresentanza legale del minore/Rappresentanza legale per bambini".

Curatore/Curatrice

L’APMA può nominare un curatore/una curatrice per te, che aiuterà te e la tua famiglia in base a ciò di cui avete più bisogno. Per ogni famiglia può trattarsi di un problema diverso. Può darsi che il curatore/la curatrice venga a farvi regolarmente visita a casa, per aiutarvi a fare in modo che tutto sia più ordinato e pulito. Oppure per aiutarvi a stabilire delle regole che ti permettano di vedere regolarmente il papà o la mamma.  

In ogni caso, è importante che il tuo curatore/la tua curatrice venga a trovarti regolarmente. Così potete parlare insieme della situazione. Se hai domande, puoi anche contattarlo/contattarla di tua iniziativa.

Hai la sensazione che il tuo curatore/la tua curatrice non ti ascolti o non ti capisca? Oppure hai qualche domanda su questo tema? Noi ci siamo, chiamaci!

D

Difensore del bambino

Difensore del bambino è un’altra parola che significa rappresentante legale dei minori. Se vuoi saperne di più, continua a leggere alla voce "Rappresentanza legale del minore/Rappresentanza legale per bambini".

Diritto di visita

Se i tuoi genitori non vivono insieme, è difficile che tu riesca a vederli entrambi con la stessa frequenza. Probabilmente, vivi principalmente con uno dei due, la tua mamma o il tuo papà. E l’altro genitore lo vedi, ad esempio, durante il fine settimana. Il tempo che trascorri insieme all’altro genitore si chiama orario di visita.

Se i tuoi genitori si separano o divorziano, una delle domande più importanti è: con chi andrai a vivere principalmente? Altrettanto importante è che siano regolati gli orari di visita con l’altro genitore. Ad esempio, è necessario decidere:

  • Quanto spesso vedrai l’altro genitore?
  • Come saranno suddivise le vacanze?
  • Con chi trascorrerai il Natale?

Esistono tantissimi modi in cui le famiglie possono regolarsi. In ogni caso, è assolutamente importante che tu sia libero di esprimere la tua opinione. In fondo, si tratta di te.

Se i tuoi genitori vanno ancora d’accordo, potete trovare una soluzione tutti insieme. Se non ci riuscite, decide il tribunale oppure l‘APMA.

Il diritto di visita spetta sia a te che ai tuoi genitori. Quindi, tu hai il diritto di andare a trovare i tuoi genitori. E i tuoi genitori hanno il diritto che tu li vada a trovare. Per questo motivo, a volte devi andare da loro anche se non ne hai voglia e preferiresti fare qualcos‘altro.

Può capitare che ci siano dei litigi o che, dopo un po’, il modo in cui sono regolate le visite non vada più bene. In questo caso, l’APMA può stabilire nuove regole. Oppure può incaricare un curatore/una curatrice che vi aiuterà nelle questioni relative al diritto di visita.

Diritto di visita accompagnato: tra te e il genitore che vai a trovare la situazione potrebbe essere molto difficile. Forse in passato c’è stata della violenza, oppure non vi siete visti per molti anni. In questi casi, l’APMA può ordinare un diritto di visita accompagnato. Questo significa che quando incontrerai tua mamma o tuo papà non sarai da solo. Insieme a voi, ci sarà sempre una persona che vi sostiene.

Divorzio

Se i tuoi genitori si separano o divorziano, è necessario riorganizzare molte cose. Da chi andrete a vivere tu e le tue sorelle o i tuoi fratelli? Quando potrete vedere l’altro genitore? Ma anche: a quali cose può provvedere la mamma e a quali il papà? Chi deve pagare gli altri soldi? I genitori parlano di questi argomenti davanti a un giudice, in tribunale.

Se i tuoi genitori sono d’accordo, per loro sarà facile trovare velocemente una soluzione. Ma se invece litigano, hanno bisogno dell’aiuto di un avvocato/di un’avvocata e di un giudice. Se non riescono a mettersi d’accordo, alla fine decide il tribunale.

Importantissimo: tu puoi esprimere la tua opinione nelle decisioni che ti riguardano. Non importa se i tuoi genitori vanno d’accordo oppure se litigano. Tu puoi sempre esprimere i tuoi desideri e spiegare loro quali sono le cose che ti fanno stare meglio. In fondo, si tratta anche di te.

Anche il giudice ti inviterà a un colloquio per chiederti che cosa desideri. Tu hai la possibilità di spiegare quello che vuoi. E puoi anche fare domande. Se non vuoi, non sei obbligato a presentarti al colloquio. Forse per te potrebbe essere più facile presentarti al colloquio insieme a una persona della quale ti fidi. Ad esempio, la tua madrina o il tuo padrino.

Hai la sensazione che nessuno ti ascolti? Il giudice non ti ha invitato a un colloquio? Oppure hai domande sul divorzio dei tuoi genitori? Noi ci siamo, chiamaci!

M

Minore accusato/accusata

Se la polizia ha il sospetto che tu abbia commesso un reato, allora sei un accusato o un'accusata. In questo caso, la polizia avvia un procedimento contro di te. Tu sei considerato innocente fino alla conclusione del procedimento. E fino a quando non viene provato che tu hai veramente commesso un reato.

Come persona accusata, hai determinati diritti. Devi essere informato di quello di cui sei accusato e di quali sono i tuoi diritti. Hai anche diritto a un avvocato/a un’avvocata. L’avvocato o l’avvocata ti aiuta nel processo e sta dalla tua parte. Ti fornisce consigli e può anche rappresentarti. Se hai capacità di giudizio, puoi cercare tu stesso un difensore. Oppure i tuoi genitori possono farlo per te. Se non ne conosci nessuno, oppure se i tuoi genitori non hanno i soldi per pagarlo, ti verrà messo a disposizione un difensore.

Hai domande sui tuoi diritti, oppure non sai quello che potrebbe succederti? Noi ci siamo, chiamaci!

P

Pericolo

Se qualcuno pensa che tu sia in pericolo, può contattare l‘APMA per comunicarle che potresti avere bisogno d’aiuto. Cioè: presenta una segnalazione di esposizione al pericolo. Questa persona può essere un amico, un parente o un vicino. Anche insegnanti e medici possono presentare la segnalazione all‘APMA.

Se hai bisogno di aiuto, puoi rivolgerti tu stesso all‘APMA. Puoi recarti di persona in ufficio, telefonare oppure scrivere una lettera.

In caso di una segnalazione di questo tipo, l‘APMA deve verificare se sei veramente in pericolo. Esistono diversi metodi di verifica. All’inizio, qualcuno potrebbe parlare con te da solo, oppure insieme ai tuoi genitori. In seguito, l‘APMA potrebbe avere bisogno di maggiori informazioni. Quindi, qualcuno potrebbe parlare con i tuoi insegnanti. Potrebbe anche essere necessaria una perizia. L‘APMA deve fare tutto il possibile per trovare il modo di aiutarti.

L‘APMA potrebbe rendersi conto che sei veramente in pericolo e quindi avviare le misure di protezione dei minori. In questo caso, spiegherà a te e ai tuoi genitori quello che succederà. Ad esempio, potrebbe esservi assegnato un accompagnamento familiare. Oppure i tuoi genitori potrebbero essere obbligati a rispettare determinate regole.

Protezione dei minori

L’APMA ha l’importante compito di proteggere i minori. Obiettivo dell‘APMA è proteggerti dai pericoli. Ad esempio, se qualcuno ti picchia, se abusa sessualmente di te, oppure ti ferisce nell‘anima, allora sei in pericolo.

Esistono anche pericoli dei quali tu non ti rendi conto. Ad esempio, tu potresti essere contento perché i tuoi genitori ti lasciano fare quello che vuoi. Ma in questo modo, se smetti di andare a scuola, loro non se ne accorgono. Invece è importante che i tuoi genitori si occupino di te e che tu prenda una licenza scolastica. Ecco perché l‘APMA interviene.

Se l‘APMA interviene, nella tua vita potrebbero entrare improvvisamente delle persone estranee. Loro vogliono prendersi cura di te. A te e alla tua famiglia potrebbe sembrare che vogliano immischiarsi in cose che non li riguardano. Hai domande? Noi ci siamo, chiamaci!

Tu hai il diritto di essere protetto dai pericoli. Ecco perché l’APMA deve agire ogni volta che viene a conoscenza di un pericolo. L‘APMA avvia una procedura di protezione dei minori. Tu hai il diritto di esprimere la tua opinione a riguardo. I collaboratori dell‘APMA devono informarti in modo sempre adeguato alla tua età. Devono spiegarti il motivo di ogni decisione che prendono. A volte puoi chiedere di essere rappresentato da un legale. Noi possiamo consigliarti e aiutarti.

R

Rappresentante dei minori

Rappresentante dei minori è un’altra parola che significa rappresentante legale dei minori. Se vuoi saperne di più, continua a leggere alla voce "Rappresentanza legale del minore/Rappresentanza legale per bambini".

Rappresentante legale dei bambini

Rappresentante legale dei bambini è un’altra parola che significa rappresentante legale dei minori. Se vuoi saperne di più, continua a leggere alla voce "Rappresentanza legale del minore/Rappresentanza legale per bambini".

Rappresentanza legale del minore / Rappresentanza legale per bambini

Forse ti è già capitato di sentire anche parole come: avvocato dei bambini, rappresentante dei minori, rappresentante legale dei bambini, difensore del bambino o curatore di rappresentanza. Tutte queste parole hanno lo stesso significato, cioè: avvocato dei bambini. Ma noi parliamo sempre di rappresentanza legale del minore.

La persona che rappresenta legalmente i minori ha il compito di aiutarti e di rappresentarti in un procedimento quando ci sono (difficili) questioni giuridiche da risolvere. Ad esempio: 

  • se i tuoi genitori hanno opinioni diverse su argomenti molto importanti e litigano spesso. Forse potrebbero aver preso la decisione di separarsi o di divorziare e non riescono a mettersi d’accordo su con chi dei due tu andrai a vivere principalmente.
  • se i tuoi genitori non possono rappresentarti nelle questioni giuridiche perché hanno problemi di salute, oppure perché forse non comprendono bene la lingua o la cultura.  
  • se si tratta di questioni molto personali e importanti e i tuoi genitori la pensano in modo diverso da te.
  • se la polizia, la magistratura dei minorenni oppure il pubblico ministero ti hanno invitato e presentarti presso di loro (Leggi di più sul tema degli persona imputata).


Al primo incontro, la persona che svolge il ruolo di tuo rappresentante legale ti ascolta e scopre di che problema si tratta. Dopodiché parlate insieme della tua situazione e il rappresentante legale o la rappresentante legale ti spiega quali possibilità hai a disposizione. Insieme decidete i prossimi passi da compiere. Tutto quello di cui parli con il tuo o la tua rappresentante legale è confidenziale. Questo significa che nessun altro lo saprà, se tu non sei d’accordo.

In generale, i rappresentanti legali possono parlare di qualsiasi questione direttamente con le ragazze, i ragazzi e anche con i bambini più grandi. Invece con i bambini più piccoli questo non è sempre possibile. In questo caso il rappresentante legale cerca di scoprire in un altro modo quali sono i desideri del bambino. I rappresentanti legali lavorano sempre a favore dei diritti dei bambini e dei giovani, indipendentemente dalla loro età. Il loro compito è far ascoltare agli adulti i tuoi desideri.

Una cosa importante che devi sapere: il tuo o la tua rappresentante legale non è l’avvocato dei tuoi genitori o l’avvocato di un’autorità. Anche se lui o lei dovesse parlare con i tuoi genitori rappresenterà comunque sempre e solamente te e le tue volontà.

Se pensi di aver bisogno di una rappresentanza legale oppure se non sei sicuro di averne bisogno, chiamaci. Siamo qui per parlare insieme a te della tua situazione. Forse saremo in grado di aiutarti anche senza dover ricorrere a una rappresentanza legale. Altrimenti ti spiegheremo bene quali sono i compiti di un rappresentante legale e in che modo puoi richiedere una rappresentanza legale.

A volte anche i giudici o l’APMA (Autorità di protezione dei minori e degli adulti) possono decidere di propria iniziativa che hai bisogno di una rappresentanza legale. In questo caso sono loro a cercare qualcuno per te. Se hai un curatore o una curatrice, anche loro possono richiedere una rappresentanza legale per te.

Per te la rappresentanza legale è gratuita. A pagarla per te possono essere i tuoi genitori. Ma se i tuoi genitori non hanno abbastanza soldi, possono presentare la richiesta di non pagare le spese.

 

Ricovero a scopo di assistenza (RSA)

Se le tue azioni ti mettono in pericolo, L‘APMA deve occuparsi di te affinché non ti succeda niente. L‘APMA ha la possibilità di ordinare un ricovero a scopo di assistenza. L’abbreviazione di ricovero a scopo di assistenza è RSA.

Durante i colloqui potrebbe capitarti di sentire soprattutto questa abbreviazione. Se viene ordinato un RSA, entri in un istituto chiuso oppure in una clinica psichiatrica. Anche se non vuoi. Devi restare lì, fino a quando non starai meglio. Tu e i tuoi genitori avete però la possibilità di intervenire contro la decisione.

U

Ufficio dell‘Ombudsman

L‘APMA, i curator/le curatrici, il tribunale e la polizia ci sono per aiutarti, per sostenerti e per fare in modo che i tuoi diritti siano garantiti. Ma può anche succedere che le cose non vadano come dovrebbero. A volte, per te potrebbe essere difficile comprendere quello che gli esperti chiedono a te e alla tua famiglia. Oppure può sembrarti che nessuno risponda alle tue domande.

Forse ti domandi:

  • Quali sono i miei diritti?
  • Che cosa possono fare l‘APMA, il tribunale e la polizia?
  • Come posso difendermi se non sono d’accordo con una decisione?
  • A chi posso chiedere informazioni se non capisco qualcosa?

E forse pensi:

  • Nessuno mi ascolta.
  • Non sono libero di dire quello che voglio.
  • Non mi prendono sul serio.
  • Ho paura di quello che succederà.
  • Nessuno mi aiuta.

Se hai domande o sensazioni come queste, noi dell’Ufficio dell‘Ombudsman dei diritti dei bambini siamo qui per te. Parliamo insieme a te della situazione e riflettiamo sul tipo di aiuto di cui hai bisogno. Rispondiamo alle tue domande. Oppure ti diciamo dove puoi trovare le risposte. Cerchiamo di intermediare tra te e gli esperti. Ti prepariamo ai colloqui e ti spieghiamo quali sono i tuoi diritti. Puoi parlare con noi gratis e il colloquio è riservato. Quindi: se tu non vuoi, noi non raccontiamo a nessuno le cose che ci dici. E poi, noi non facciamo niente senza prima parlarne con te. Sei tu che decidi quello che vuoi dire o chiedere. E anche che tipo di aiuto vuoi. Noi siamo sempre volentieri disponibili a parlarne prima con te. Perché è di te che si tratta! Solo se tu lo vuoi, e se può esserti d’aiuto, allora parliamo anche con altre persone. Ad esempio con i tuoi genitori, il tuo curatore/la tua curatrice oppure con altri tuoi conoscenti.